Giovani e professioni

Lisa Martin, ex studentessa ITS e docente a 21 anni

Scopriamo la storia di Lisa Martin: da studentessa ITS a insegnante (tra le più giovani in Italia) e creatrice di moda sartoriale. Viene dall’ITS Tam di Biella, ha 21 anni ed è già di ruolo

Da settembre è rientrata nella sua vecchia scuola, l’istituto professionale Ipsia Francis Lombardi di Vercelli ma, a soli 21 anni, non come studentessa bensì come insegnante di ruolo del Laboratorio di scienze e tecnologie tessili dell’abbigliamento e della moda. Una storia di soddisfazioni e un po’ singolare perché Lisa Martin, originaria di Chivasso, si è data una doppia possibilità: mentre attendeva l’uscita del concorso per docenti non ha perso tempo e si è iscritta all’ITS Tessile abbigliamento moda di Biella (Tam) – corso confezione e maglieria – per accrescere la sua formazione professionale. Nel frattempo è uscito il concorso per l’insegnamento a scuola e così, mentre frequentava l’ultimo anno all’ITS, Lisa è diventata una delle più giovani insegnanti d’Italia.

Ora insegna agli studenti degli ultimi due anni – quarta e quinta – a ragazzi quasi coetanei. Un’esperienza che giudica positiva. “Riusciamo a comprenderci meglio“, spiega “c’è molto rispetto e assieme lavoriamo bene“.

L’esperienza all’ITS Tam di Biella

L’esperienza all’ITS Tessile abbigliamento moda mi ha molto arricchito, soprattutto per quanto riguarda le attività pratiche svolte durante gli stage“. Lisa, infatti, durante il biennio all’ITS ha frequentato uno stage in atelier di abiti da sposa di alta moda presso Vogue Sposa di Torino e Le Spose di Firenze, ha collaborato con alcuni docenti del Politecnico di Torino attivi nel laboratorio tecnologico per l’industria tessile e con il lanificio Cesare Gatti di Camburzano (Biella). Inoltre è stata alla premiere Vision Paris. Ha imparato in questo modo a lavorare con il tulle e gli abiti leggeri.

Una creazione di Lisa Martin

Il made in Italy sartoriale e le creazioni di Lisa

Tutte le esperienze di formazione di Lisa Martin confluiscono nel suo laboratorio all’Ipsia di Vercelli: “mi piace trasmettere la passione per la moda, promuovere progetti creativi e avvicinare i ragazzi al mondo della confezione artigianale dei capi del made in Italy“. ITS e istituto professionale sono due mondi completamente diversi, e spiega: “servono entrambi: per quanto all’Ipsia ci sia molto lavoro pratico in laboratorio per la confezione dei capi, la specializzazione dell’ITS è importante e ci si rende conto che non si smette mai di imparare“.

La passione di Lisa, oggi un hobby domani, chissà, forse un lavoro, è ancora quella di un tempo: creare abiti-scultura con componenti di tessuto applicato, gonne in tulle lavorate e corsetti. Si tratta di creazioni artistiche sartoriali made in Italy, anzi, made in Chivasso che vanno di pari passo con l’altra sua grande passione: insegnare.

Condividi questo contenuto:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Daniela Zambonini
Collaboratore
Giornalista |Docente Laurea triennale Comunicazione IUSVE
Segui l'autore:
Iscriviti alla newsletter di TuttoITS
Con l’iscrizione al servizio dichiaro di accettare le Informazioni sulla Privacy.