Area Ict

ITS per le Tecnologie dell’informazione e della comunicazione

Dagli indirizzi di studio agli sbocchi lavorativi: tutto quello che si deve sapere sui corsi ITS per le Tecnologie dell’informazione e della comunicazione

Il sesto e ultimo diploma degli Istituti Tecnici Superiori si chiama Tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Il percorso è finalizzato all’educazione alle tecnologie e agli strumenti digitali dell’informazione e si può suddividere in tre ambiti: metodi e tecnologie per lo sviluppo di sistemi software, organizzazione e fruizione dell’informazione e della conoscenza e architetture e infrastrutture per i sistemi di comunicazione.

Quali le prospettive lavorative?

IT’s IT, il gioco di parole è inevitabile. E’ il nome dell’area tecnologica degli ITS che forma professionisti della comunicazione. Della comunicazione, in questo caso, si considera l’aspetto tecnologico: dalle infrastrutture all’organizzazione dei canali multimediali – e la loro fruizione -, allo sviluppo di sistemi software per la gestione delle reti e il supporto agli utenti. Con l’industria e la transizione digitale 4.0, la diffusione crescente del machine learning e la necessità di gestire Big data, questo percorso ITS offre una vastità di settori d’impiego davvero elevata, accompagnata da un altrettanto elevata percentuale di occupazione.

I settori in cui lavora il supertecnico esperto di Tecnologie dell’informazione e della comunicazione sono: automazione di processi d’impresa, sviluppo software e tecnologie Cloud, ricerca di soluzioni e architetture per la gestione dei Big data, sicurezza dei dati e delle piattaforme Cloud e persino digital marketing e smart manufacture.

La formazione specifica nei tre ambiti

Al di là della grande varietà professionale, dicevamo, tutti i corsi ITS che potrete trovare nell’ambito dell’informazione e della comunicazione digitale possono essere inquadrati in tre aree:

1. I metodi e le tecnologie per lo sviluppo dei software: in questo caso le competenze che si sviluppano riguardano l’installazione, la supervisione e la manutenzione di applicazioni, la gestione delle reti e delle infrastrutture informatiche e il supporto tecnico ai clienti. La formazione in questo caso sarà prettamente tecnica e riguarderà i principali linguaggi di programmazione utili allo sviluppo dei software (come python, sql, R, Java, C++, e simili), lo studio della programmazione per applicazioni industriali e lo sviluppo di applicazioni web e mobile su Cloud.

2. L’organizzazione e la fruizione dell’informazione e della conoscenza. Il supertecnico in questione viene definito digital strategist, e riceverà una formazione specifica volta a conoscere le principali architetture funzionali, i protocolli e gli algoritmi di reti fisse e mobili. Oltre a studiare le basi della data analysis, e imparare a usare le principali piattaforme web standard come Html, css, javascript e wordpress, questo corso fornisce anche una preparazione nel Copywriting, nelle strategie di Digital marketing e anche nella comunicazione attraverso immagini (visual e graphic design).

3. Realizzazione e gestione dell’architettura e delle infrastrutture per i sistemi di comunicazione. Questo ambito riguarda prettamente la progettazione e gestione dei sistemi di comunicazione, dalle singole componenti alla visione tecnica complessiva del sistema. Grazie a questa formazione, è possibile supportare lo sviluppo e l’integrazione di soluzioni software evolute all’interno dei processi aziendali e industriali, gestire le reti informatiche e verificarne la qualità, realizzare e convalidare sistemi integrati per le telecomunicazioni, effettuare la manutenzione di apparati garantendo performance e sicurezza.

Tutti i corsi di formazione nell’ambito dell’IT – dell’informazione e della comunicazione – sono di uno o due anni, e come gli altri corsi ITS prevedono un dialogo e una collaborazione continua con il mondo del lavoro aziendale. Se sei interessato a lavorare in rete, a formarti come sviluppatore e a lavorare nella digitalizzazione aziendale e delle imprese, questa classe di formazione ITS è quella da perseguire.

Condividi questo contenuto:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Valentina Guglielmo
Collaboratrice
Dottorata in astrofisica e con un master in giornalismo scientifico, collaboro con alcune testate scrivendo soprattutto di astrofisica e scienze spaziali, salute e ambiente.
Segui l'autore:
ITS PER
COMINCIARE
Iscriviti alla newsletter di TuttoITS
Con l’iscrizione al servizio dichiaro di accettare le Informazioni sulla Privacy.